Una nota del Ministero dell’Interno del 3 aprile 2017 precisa che le auto immatricolate all’estero possono liberamente circolare in Italia anche senza assicurazione.

Per quanto possa risultare inverosimile in realtà si applica il principio della copertura presuntiva per i veicoli immatricolati all’estero. Gli Stati per i quali si applica tale principio sono oltre 30 e tutti europei, l’elenco completo è riportato alla fine di questo articolo.

La nota precisa che anche qualora venga accertato che il veicolo straniero non sia affatto coperto da assicurazione neppure nel proprio paese di origine non incorra comunque in nessuna sanzione.

Il principio della copertura presuntiva non ha un limite temporale. Un veicolo straniero che circoli in Italia da oltre un anno deve essere obbligatoriamente reimmatricolato nel nostro Paese. Neanche in questo caso, il proprietario del veicolo incorre in sanzioni in quanto, pur essendo evidente la mancata nazionalizzazione del veicolo, questo risulta regolarmente immatricolato nel Paese di origine.

In realtà la nota del Ministero dell’Interno non fa altro che ribadire quanto già chiaramente riportato nel decreto del 1 aprile 2008, n. 86.

In  attuazione  dell’articolo 125,  comma 7,  del codice, per i veicoli  a  motore  immatricolati  in  Stati  esteri,  che circolano temporaneamente  nel  territorio  della  Repubblica  italiana,  della citta’ del Vaticano e della Repubblica di San Marino, l’obbligo della copertura  assicurativa  per la responsabilita’ civile verso i terzi, per  la durata della permanenza in Italia, si considera assolto se la targa  di  immatricolazione  e’  rilasciata da uno dei seguenti Stati esteri: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca e  Isole  Faroer, Estonia, Finlandia, Francia e Principato di Monaco, Germania,   Grecia,   Irlanda,   Islanda,   Lettonia,  Liechtenstein, Lituania,   Lussemburgo,   Malta,  Norvegia,  Paesi  Bassi,  Polonia, Portogallo,  Regno  Unito di Gran Bretagna e d’Irlanda del Nord (e le
isole  de  la  Manica,  Gibilterra, l’Isola di Man), Repubblica ceca, Repubblica  slovacca,  Slovenia,  Romania,  Spagna (Ceuta e Mililla), Svezia, Svizzera, Ungheria.

Copertura presuntiva i veicoli stranieri possono circolare senza assicurazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *